PROGETTO NETD@YS

Internet a Scutari

Nella città di Scutari, Nord dell'Albania, non esiste un solo provider internet. I pochi "privilegiati" che possiedono una connessione internet sono stranieri, che fanno parte di organizzazioni internazionali i di volontariato o di altre istituzioni, come nel mio caso, che sono lettrice di italiano presso il Dipartimento di Italiano della locale Università.  L'accesso all'web avviene mediante connessione con un provider che si trova a Tirana, il che significa che la telefonata è interurbana. I costi telefonici sono pertanto elevati. 

Oltre a questa contingenza si deve rilevare che manca ovviamente cultura tecnologica. Pur avendo nel curricolo l'ora di informatica le scuole superiori non formano per niente gli studenti alle nuove tecnologie, men che meno ad internet. Solo alcuni studenti hanno volontariamente seguito corsi  privati di informatica per poter accendere un computer, scrivere un testo in word e basta. Di multimedialità e reti, ovviamente, 

In questo contesto è stata quindi una sfida  stimolante aderire al progetto Netdays, opportunità offerta da una scuola italiana, IPSIA Marcora di Inveruno, che cercava istituzioni scolastiche e universitarie per collaborare ad un progetto telematico sull'ambiente. 

Il tema dell'ambiente mi ha spinto ad uscire dai confini del mio dipartimento e a cercare una collaborazione presso il Dipartimento di Chimica, il cui Direttore di allora, Dr. Adem Bekteshi, si occupa da molto tempo della composizione chimica dell'acqua del Lago di Scutari e di educazione ambientale nel distretto.

Il collega e due suoi studenti hanno aderito con entusiamo, così come un gruppo di miei studenti (sei, tutti del primo corso).

La prima fase ha visto :